Hi2-D2 – Enhanced astromech droid

      2 commenti su Hi2-D2 – Enhanced astromech droid

HGBF #027 1/144 Bandai – Hi-Mock Custom build

Concluso il mio ultimo lavoro, Hi2-D2 – Enhanced astromech droid, la versione potenziata di R2-D2!

Realizzato per il Summer Gunpla Contest 2015 su Facebook, a voi le foto

Come sapete il kit di partenza è l’Hi-Mock di Gundam Build Fighters Try, un ottimo kit (semplice ed economico) per sbizzarrirsi con le customizzazioni
In particolare è perfetto per una interpretazione in stile Star Wars come questa: la testa è praticamente quella di R2-D2!
Il tempo di controllare online se qualche asiatico avesse già avuto la mia idea (stranamente no..) ed ecco quello che ho buttato giù velocemente, prima che l’asiatico x sfornasse qualcosa

Questo è il set completo che comprende alcuni accessori della versione classica del droide:

Da sinistra: “Extendable ausiliary visual imaging system”, “Universal computer interface arm”, “Mechanical grasper arm”, Utility saw”, “Electro magnetic power charge arm”, “life form scanner” e sopra a tutti il “multifunction utility and interface arm” adattato al beam rifle del kit (nomi professional.. )

Come vedrete nel W.I.P. che successivamente pubblicherò mi è stato di grande aiuto il kit Bandai di R2-D2/R5-D4 (ormai illegale), dove ho studiato i particolari a 360° per applicarli poi al Mobile Suit Verdone.

Gli interventi sono stati questi:
  • Pla-plating vario;
  • Incisione di pannellature;
  • Sostituzione della testa con quella liscia del Mock Army Set;
  • Scratchbuild degli accessori con plasticard;
  • Colorazione parziale con i nuovi Kcolor (bianco blu e nero);
  • Soliti primer e trasparente opaco Vallejo;
Segnalo anche che ho riutilizzato due dei quattro sportelli delle gambe per integrare due accessori (visore e radar) nel backpack e ricreato i cavi nei piedi con del fil di ferro.
Gli accessori:

Altre foto dei particolari:

E qualche scatto in compagnia 😀



Posso dire di essere molto soddisfatto del risultato, solo per quello che riguarda l’idea però: la fretta di finirlo nei tempi stabiliti mi ha fatto fare un mare di errori che ho cercato bene o male di risolvere (senza risultati), tra cui stesura della vernice non ottimale (blu e argento), mascheratura inefficiente (sotto la riga blu della testa) che ho dovuto ritoccare a pennello facendo ancora più danni ecc, esagerazione del lucido Humbrol con conseguente accumulo a gocce in superficie ecc…
Avrei voluto fare più attenzione ai particolari e ragionare ancora di più sulla loro interpretazione, ma pazienza, sarà per la prossima volta.
Intanto sono stato il primo a customizzarlo cosi! 😀

Basta alle cose fatte di fretta! (speriamo, vediamo con il prossimo kit… altra scadenza).

Ciao.

Share

2 thoughts on “Hi2-D2 – Enhanced astromech droid

Rispondi a Lemcat Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *